CONDIVIDI
Jae Hyo Lee

Il suo nome è Jae Hyo Lee ed è un artista sud coreano – classe 1965 – attivo nella lavorazione del legno, con al suo attivo oltre 30 mostre personali, che ha partecipato a numerose esposizioni collettive in tutto il mondo.

Le sue sculture in legno, risultato della fusione di un’inesauribile creatività artistica con indiscusse capacità artigianali, sono ispirate dal profondo rispetto per la natura insito da sempre nella tradizione coreana.
L’utilizzo delle forme geometriche permette all’artista di annullare ed esaltare al tempo stesso le naturali imperfezioni di tronchi e rami, al termine di un lavoro di grande complessità e precisione.

Jae Hyo Lee: l’umiltà incontra la sofisticatezza

Tronchi enormi vengono assemblati fra loro a incastro per creare sfere, forme toroidali e molto altro, con un’abilità tecnica davvero impressionante. L’apparente umiltà dei materiali di uso quotidiano non impedisce all’artista di creare opere di grande pregio, lusso e sofisticatezza: come le sue opere in legno bruciato decorate con chiodi in acciaio, infissi e poi incurvati fino a ottenere una superficie lucida, uniforme, seguendo pattern che esaltano i volumi e trasmettono un’idea di movimento in onde o spirali, ricordando il moto delle galassie.

Jae Hyo Lee

Dallo stile decorativo puro agli elementi d’arredo

Sebbene molte delle opere di Jae Hyo Lee siano forme organiche o geometriche pure, animate da un intento esclusivamente decorativo, l’artista si occupa anche della creazione di oggetti d’arredamento: sedie, tavoli e chaise longue realizzate per la commercializzazione, tutti mobili di design richiestissimi da parte di gallerie e collezionisti privati di ogni parte del mondo.

Oltre al legno di ogni genere e forma, Jahe Hyo Lee utilizza alle volte materiali come la pietra e l’acciaio nelle sue opere scultoree, con risultati ugualmente stupefacenti, a prova di una versatilità e di un talento che negli anni ha avuto modo di crescere in tutto il suo potenziale.

Fonte: thingsiliketoday.com

Rispondi

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome