CONDIVIDI
Palazzo di Chiavari Nicola Spinetto

Nicola Spinetto, classe 1976, nato a Crespano del Grappa in Italia, ha studiato presso l’Università di Genova, Italia, e l’Università di Tampere, in Finlandia.
È lui l’architetto che ha firmato la ristrutturazione dell’appartamento a Chiavari, in Liguria: un progetto che ha riportato a nuova vita una dimora storica che per anni era rimasta nella polvere dell’abbandono.

Il legno rappresenta il file rouge che unisce e nello stesso tempo descrive storia e funzionalità, antico e moderno. Una sinergia resa possibile dal racconto architettonico di un progetto ambizioso e riuscito, in grado di esprimere tutto il suo potenziale nel nuovo disegno degli spazi.

Palazzo di Chiavari Nicola Spinetto

La ristrutturazione dell’edificio

Il progetto – che lo stesso architetto ha definito “atipico” – ha letteralmente ridato luce ad un palazzo storico che necessitava di importanti opere strutturali, a partire dalla sua stabilizzazione.
È in questa fase che il sapiente lavoro artigiano e certosino ha saputo preservare le cementine decorate per poterle riutilizzare dopo l’intervento strutturale.
Anche le volte affrescate del piano inferiore sono state conservate nella loro antica bellezza decorativa, così come i colori delle pareti, rifatti rispettando le tinte originali.
L’impressione che si ha entrando nel palazzo è di trovarsi in una casa completamente nuova e che pure mantiene intatto uno spirito antico, quasi sacro: la funzionalità e la nuova ridistribuzione degli spazi, uniti al nuovo impianto ligneo che si sposa perfettamente con le strutture murarie, regalano alla dimora un fascino onirico, immaginifico, raccolto, riflessivo.
La necessità di dividere in due appartamenti il palazzo, ha portato l’architetto Spinetto a creare nuovi servizi nella stanza centrale d’entrata.
La straordinaria opera conservativa sull’edificio si è accompagnata ad un restauro intelligente allo stesso tempo fluido, che ha ricreato all’interno di un antico palazzo un nuovo cuore pulsante.

[L’articolo è un estratto della pubblicazione di Marzo 2017 di Design Lifestyle Magazine]

Rispondi

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome