CONDIVIDI
matteo brioni design lifestyle

Come nell’antica forma d’arte di origine francese, torna sulle pareti degli ambienti un concetto di boiserie che si ispira alla tradizione tessile.
Si chiama Arazzi ed è il progetto di Matteo Brioni, che nel design porta la firma di Marialaura Rossiello di Studio Irvine: un sistema modulare e geometrico con linee contemporanee, caratterizzato da veri e propri telai sui quali viene ‘tramata’ l’argilla grazie alla manualità dei posatori della Matteo Brioni.

Continua così lo studio di Brioni sui materiali sostenibili e l’argilla diventa protagonista delle pareti, attraverso un sistema modulare di pannellature da comporre per creare il proprio ambiente personalizzato. Una boiserie, dunque, che diventa così un quadro monomaterico tridimensionale, unico e irriproducibile. Passato e presente si fondono in questa idea che reinventa e reinterpreta una forma d’arte proveniente dal passato.

E tutto parte dalla terra: la tradizione della famiglia Brioni, a Gonzaga, da quattro generazioni produttrice di laterizi, ha portato l’azienda a specializzarsi nel tempo unicamente nella realizzazione di finiture naturali per l’architettura e l’interior design con un materiale da secoli elemento sostanziale del settore: la terra cruda.

Una filosofia e un approccio alla creatività che tiene conto della natura ecologica e della naturalità di un materiale versatile, funzionale, in grado di esaltare, anche grazie alle sue capacità cromatiche, ogni ambiente.
Un materiale antico e affascinante, soprattutto un materiale sano e anallergico, atossico, in grado di regolare l’umidità e la temperatura, di assorbire suoni e odori e resistente al fuoco.

Ne è derivato questo progetto, “Arazzi” che, come tutti quelli realizzati da Matteo Brioni, mira a creare un equilibrio tra bellezza, armonia e benessere, offrendo altissime prestazioni a basso impatto ambientale, creando tridimensionalità nelle superfici e trasferendo gli stimoli sensoriali propri della terra agli spazi creati dall’uomo.

Rispondi

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome