CONDIVIDI
The Lightning Archives of Studio Job

Le 7 lampade create per Slamp da Studio Job decorano lo spazio con stravaganza; una creatività che si esprime negli stessi nomi scelti per i pezzi della collezione The Lightning Archives of Studio Job: Labyrinth, Love Peace Joy, Perished, Peace Skull, Faena Art, Bananas, L’Afrique.

The Lightning Archives of Studio Job

The Lightning Archives Of Studio Job è una collezione stravagante, con una grammatica iconografica di derivazione dadaista. Rievoca gli anni ’90, narrandone la dirompente e colorata poeticità, la storia e le atmosfere, in una parola: l’aura.
Il tutto con un’audacia decorativa surrealista, che prende spunto dalla migliore ispirazione pop.

Ecco allora che sulle lampade trionfano sorrisi smaglianti, labbra carnose, scheletri di animali che ballano, frutti pop, riferimenti ai classici del Rinascimento; e ancora simmetrie, filigrane, sovrapposizioni… Follia e arte insieme, per oggetti che si lasciano guardare, leggere e ammirare in tutta la loro narrativa bellezza.

Le lampade tube Slamp della collezione The Lightning Archives acquisiscono unicità grazie al perfezionismo che caratterizza il lavoro di Job Smeets e Nynke Tynagel. Profili stondati e verniciati, bottoni dalla forma semisferica – in tinta o in contrasto con le cromie dominanti – cavi elettrici calzati. La poesia iconografica pop si carica di suggestioni metaforiche, oltre che di trasposizioni e riferimenti colti.
I decori bidimensionali sono resi profondi da un sistema di stampa su Cristalflex trasparente, sovrapposto a una superficie in Opalflex, a cui spetta il compito di diffondere uniformemente la luce. Brio, colore, audacia, curiosità. Insomma, vietate le vie di mezzo, stavolta si osa!

Labyrinth

Una sperimentazione visionaria ha portato alla nascita di Labyrinth, la lampada che si ispira a un surreale giardino giapponese, oggi ospitata nella lounge del Groninger Museum in Olanda.

Perished

Un pattern di scheletri umani e animali danzanti è il tema di Perished, lampada in chiave neo-gotica nata a seguito di una visita al Museo di Storia Naturale di New York. Il decoro scherza con paure e superstizioni, vita e morte, per rappresentare il momento stravagante e violento che vive la nostra civiltà.

Love Peace Joy

I simboli della pace, colombe che spiccano il volo, sorrisi e labbra: è l’ottimistica visione, quasi onirica, che domina e racconta la lampada di matrice pop Love Peace Joy.

Bananas

Ode a un frutto tra i più popolari al mondo, la lampada Bananas si erge a icona pop al pari della Marylin di Warhol, della bottiglia della Coca Cola, del barattolo Campbell.

Faena Art

Le chiavi come ponte tra diverse culture, le api laboriose, l’iconografica rinascimentale, il sole di Miami: sono tutti i protagonisti del bagno cromatico e stilistico di Faena Art.

Peace Skull

Richiama la simmetria tra la vita e la morte, tra pace e violenza, tra il bene e il male. Peace Skull è una sorta di yin e yang dai toni tenui, ottenuto con un stampa bianca su superficie trasparente.

L’Afrique

Nata da un’idea di Studio Job e Land Rover per la celebrazione del 65° anniversario dell’iconico Defender, L’Afrique si anima del migliore spirito africano, con motivi tribali, maschere, serpenti e altri elementi della giungla; tali elementi familiarizzano con espressioni industriali come l’albero motore, molle e ingranaggi, dando vita a un pattern dinamico e accattivante.


Ancora una volta i pionieri dello Studio Job, Job Smeets e Nynke Tynagel, firmano un lavoro in linea con lo stile stravagante che li caratterizza, inneggiando a una personale espressione contemporanea che gli stessi designer chiamano New Gothic.
Tecnica, scienza e disegni ornamentali si incontrano nell’opera di Studio Job come esempi di una vera e propria Gesamtkunstwerkl’opera d’arte totale.

Non sarà un caso se il Financial Times ha proclamato lo Studio Job come uno dei team di progettazione più influenti sul panorama internazionale.

Scopri di più sulla collezione visitando il sito ufficiale Slamp.

Rispondi

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome