CONDIVIDI
jolly-roger-chair-by-fabio-novembre-design-lifestyle
“Per me la forma è contenuto, c’è sempre una seconda lettura delle cose”. Fabio Novembre è certamente una delle più prestigiose firme del design italiano. Designer e architetto poliedrico e istintivo, Novembre ama definirsi “un uomo del presente”. Dal primo lavoro di architettura d’interni nel 1994, il negozio di Anna Molinari Blumarine a Londra, Novembre ha sempre collaborato su progetti di design, allestimenti di mostre ed eventi con importanti brand internazionali, come Cappellini, Driade, Lavazza, il fotografo Steve McCurry e Stuart Weitzman. Novembre, sin dai primi anni, diventa un punto di riferimento internazionale per l’architettura. Il suo lavoro con le più importanti aziende italiane di design è stato riconosciuto e pubblicato in tutto il mondo, anche e soprattutto per il suo approccio unico e visionario. Dal 2019 è Direttore Artistico di Driade, Direttore Scientifico di Domus Academy e membro del comitato scientifico del Museo del Design della Triennale di Milano. green-line-novembre-design-lifestyle-4 La sua attenzione anche per la moda, per il cinema, lo rendono non solo un grande designer ma un artista vero, nel senso più puro del termine, e che vede nel design non una semplice professione ma la capacità di modellarsi nella vita stessa ed il mondo circostante. Autore di moltissime realizzazioni che variano da progettazioni di showroom e boutique a complementi d’arredo molto originali, tra le sue creazioni più apprezzate spiccano sicuramente “Nemo”, la famosa poltrona “antropomorfa” ispirata al tema della maschera e “Luciola” la lampada a forma di antica voliera, entrambe realizzate per Driade. Scorrendo la lista delle opere troviamo Jolly Roger, la celebre poltrona minimal a forma di teschio. Ancora, continuando nel solco della originalità, particolare è la collezione di vasi “Green line collection”, realizzata per Bitossi Ceramiche. Numerose anche le realizzazioni per Casamania, tra cui l’apprezzatissima seduta “Abarth Chair” o la “Joy Baby” o ancora le sedie “Him and Her”. Inoltre è l’architetto responsabile del progetto “Casa Milan”, sito in zona Portello a Milano, che ospita la sede dell’Associazione Calcio Milan. Il suo rapporto con l’arte è molto passionale, intenso. Rapporto che si delinea immediatamente nelle sue opere, capaci di una straordinaria forza visiva e allo stesso tempo con una estetica semplice e immediata.

Rispondi

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome