CONDIVIDI
borse gio bastian design lifestyle

Tutta l’eleganza del legno in un accessorio esclusivo.

Quest’avventura nasce da un’idea di Giorgio Bastianelli, creativo e artista, nel suo laboratorio di Tavullia in provincia di Pesaro. È qui che il brand Gio Bastian prende lentamente vita, portando con sé l’innovazione e la forza creativa di un designer dalle idee straordinarie e l’artigianalità che si unisce alla sapienza di un modo di fare tutto italiano, in cui nulla è lasciato al caso ed ogni particolare diventa parte integrante del progetto.
Filo conduttore di tutto è il legno, vivo e versatile, che inevitabilmente racconta nelle sue venature e nel suo “calore materico”, l’eleganza femminile.
Borse, infatti, è troppo riduttivo per descrivere le creazioni di Giorgio Bastianelli. La sua passione e il suo amore per l’arte, la conoscenza ed esperienza nel trasformare il legno, prendono forma in accessori esclusivi, in cui la rigidità del legno lascia il posto alla flessuosità e alla morbidezza, in cui raffinatezza e sobrietà sottolineano la bellezza della donna.
Ad accompagnare il legno, in diverse varietà di pregio come il frassino, il wengé, il zebrano e il palissandro, sono anche il cuoio, la pelle e gli elementi metallici, frutto di uno studio e di un’attenta ricerca dei materiali e degli accostamenti che oggi rappresentano il vero valore delle borse Gio Bastian.

Il legno è l’elemento creativo nelle borse di Bastianelli, ma anche il colore che emerge dalla naturale trama della
materia, che si impreziosisce e si dona ad oggetti che da soli diventano punta di diamante di un outfit femminile.
Ricercatezza e ricerca sono presenti nelle sue opere, che partono dal disegno a mano, curato in ogni sua evoluzione da un designer che è nato e cresciuto con l’arte, formandosi presso lo studio di Ivo Batocco, dove Bastianelli ha imparato a scolpire il colore.
Oggi le borse firmate Gio Bastian sono un prodotto che risponde alle esigenze di una donna contemporanea, dinamica,
autonoma, sicura di sé e del proprio fascino e sono il risultato della genialità artistica e imprenditoriale e
di emozioni tutte italiane.

Rispondi

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome