CONDIVIDI
interior design lifestyle

I colori che richiamano la sostenibilità saranno i protagonisti indiscussi del 2019. I trend dell’anno prossimo, relativi all’interior design, fanno riferimento a tutte quelle cromaticità che provengono dalla natura. Lo stile sarà sempre più moderno, ma non potrà mancare il ricordo del passato, attraverso gli arredi vintage rivisitati in chiave eco-friendly.

Così come testimoniato all’interno del nuovo numero di Pantoneview home + interiors 2019, è tangibile il ritorno a quei colori della terra che culminano nella presenza di marmo, legno naturale e cotto. Tonalità corpose, dunque, che mettono da parte il bianco, il grigio e il tortora. Si avrà una maggiore percezione del “calore”, invece, attraverso il bordeaux, il rosa albicocca, terracotta e verde salvia, accompagnata da ruggine e nero. Ma il riferimento all’attuale situazione sociale fa da spunto anche per il ritorno all’estetica multietnica. Colori accesi, come il rosso, il verde o l’azzurro.

Così come per la moda riguardante il vestiario, anche l’interior design è colpito dal ritorno di oggetti e materiali. Come già anticipato, il cotto era un must degli anni ‘80, ed è tornato a rivestire gli ambienti, ma con una differenza. Le piastrelle saranno più opache e andranno a ricoprire non solo le zone “calpestabili” ma anche le pareti. Un’idea che prende spunto dalla voglia di dare lustro ad ambienti caldi e accoglienti. Per quanto riguarda il marmo, invece, da sempre è un elemento che caratterizza le cucine ed è capace di adattarsi a ogni tipo di arredamento.

Ma nel 2019 cambierà colore, sempre con quei richiami alla natura: verde e marrone. Infine, parallelamente all’impiego del cotto, un’altra grande “novità” caratterizzerà l’anno venturo: la carta da parati. I trentenni di oggi se la ricordano benissimo, perché era un elemento immancabile in appartamenti e hotel.

23Anche questo genere di arredamento, però, ha subìto una metamorfosi per potersi adattare al contemporaneo; si presenta, infatti, assolutamente personalizzabile con texture geometriche che conferiscono alla carta da parati uno stile minimal, o in alternativa motivi floreali, con grandi paesaggi disegnati, dedicati a chi ha gusti più decisi.

Una menzione anche al legno, che entra nelle abitazioni in una veste sempre più naturale, in modo tale da valorizzare gli ambienti, tanto che è stato previsto anche per la zona bagno. Dai mobili al piatto doccia, renderà unico un ambiente intimo.

Colori della natura in chiave eco-friendly.

Rispondi

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome