CONDIVIDI
Azuma Makoto

Si trova a Tokyo il mercato di Ota, uno dei più grandi mercati di fiori al mondo, secondo solo a quello di Aalsmeer in Olanda. Qui si vendono ogni anno circa un miliardo di fiori ed è in questo luogo che, tra i profumi di rose, orchidee, primule e crisantemi, ha mosso i suoi “primi passi” Azuma Makoto, quarantenne originario di Fukuoka, oggi considerato uno dei floral designer più famosi a livello internazionale.

Azuma Makoto

Nel 2002 Azuma Makoto apre a Tokyo il suo Jardins des Fleurs, con l’amico fotografo botanico Shunsuke Shiinoki; apriranno in seguiti una serie di altri negozi, tutti disseminati lungo le strade della metropoli giapponese.

Molti dei suoi negozi si trovano in locali seminterrati, il più possibile lontani proprio dalle strade calcate dai suoi potenziali clienti, per una ragione ben precisa: le sue materie prime possono così essere conservate ad una temperatura e un’umidità ideali. I clienti saranno ben felici di fare qualche passo in più per ammirare composizioni così creative e delicate.

Nel 2009 inaugura il suo Amkk, ovvero Azuma Makoto Botanical Research Institute, un vero e proprio tempio di sperimentazione sui fiori.

I lavori di Azuma Makoto

Le creazioni di Azuma Makoto sono vere e proprie sculture floreali, esempi di design ed espressione di una creatività fervente e sempre in evoluzione.

Un’arte, quella di Azuma, che è eleganza e rispetto dei tempi della natura, spesso brevissimi, per poter apprezzare opere che sono uniche, effimere e che pure respirano di eterno.

Mettendosi in ascolto di una bellezza che viene dalla natura, questo artista del design floreale trae ispirazione dal comportamento delle piante per cogliere un messaggio di transitorietà e trasformazione.

Le piante non sono cose artificiali che possiamo manipolare come vogliamo – ha detto in un’intervista a Wallpaper – La chiave è trovare la loro bellezza e lasciare che le piante la esprimano. Bisogna dare loro spazio e tempo. Ci sono tanti fiori quante stelle nel cielo”.

È possibile ammirare molte delle opere di Azuma Makoto sul suo sito web, oppure in questo video.

[L’ articolo è un estratto della pubblicazione di Marzo 2017 di Design Lifestyle Magazine]

Rispondi

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome