CONDIVIDI
Castel Resort - Castello di Roccamandolfi

Castel Resort è una recente competizione lanciata da Marlegno SrlYAC – Young Architects Competitions – che ha invitato architetti da tutto il mondo a dare una nuova veste ai ruderi normanni dell’antico Castello di Roccamandolfi, in Molise.
Il progetto del finalista Feng Xue appare come uno schema d’integrazione di un nuovo strato all’interno del complesso originario, con l’aggiunta di un muro perimetrale che fungerebbe al tempo stesso da passaggio segreto.

Castel Resort

Il concorso mira a raccogliere idee volte alla rifunzionalizzazione dell’antico castello, per trasformarlo in una struttura turistica adatta a vacanze confortevoli e moderne, sullo sfondo di paesaggi dal sapore antico.
YAC ha dato una serie di linee guida e restrizioni ai progetti dei partecipanti, tra cui un’altezza massima di 5 metri per le strutture, non più di 3000 mq di superficie calpestabile e scavi profondi al massimo 1 metro – esclusivamente al di fuori del castello.
La distruzione di strutture preesistenti e il taglio di alberi sono ugualmente proibiti.

Seguendo tali linee guida, Feng Xue ha proposto (insieme a Kim Diep e Leonardo Lamanuzzi) un misterioso e intrigante muro che incoraggi i visitatori ad avventurarsi al di fuori del castello.
Il concept, come afferma lo stesso Xue:

“Diventa il nostro linguaggio architettonico, capace di fare da ponte fra passato e presente, connettendo il castello al resort”.

Il muro oscurerebbe al tempo stesso la visuale dei visitatori, creando così un’esperienza sensoriale concentrata sulle rovine circostanti.

Il progetto di un muro acquisisce importanza abbracciando il senso di mistero, violenza e conquista che circonda il castello. Questa organizzazione degli spazi crea un senso di continuità, oscurando la visuale generando un’esperienza che si sviluppa lungo tutto il resort del castello, capace di portare il visitatore al di fuori delle usuali zone di comfort.

A livello funzionale, il design del muro mantiene la separazione tra forte e bastioni, tenendo separati gli spazi di accoglienza collocati in questi ultimi, dagli spazi comuni del forte. Questo garantisce uno scenario ideale per entrambi i settori, sia in termini di visuale che di accessibilità dal castello.

Comitato promotore: Marlegno Srl, YAC

Fonte: designboom.com

Rispondi

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome