CONDIVIDI
giulio cappellini design lifestyle

La storia di una città si racconta attraverso la sua architettura e i suoi dettagli. Gli stessi che possono restare immutati con il passare dei decenni o subire cambiamenti in un’ottica di ammodernamento. In alcuni quartieri di Milano, infatti, sono tornate ad essere di tendenza quelle ringhiere che caratterizzarono il periodo del boom economico italiano. Oggi le stesse risplendono di nuova vita grazie al restyling di una delle aziende specializzate più formate nel settore.

Fontanot ha assunto questo impegno affidando il progetto del nuovo design a Giulio Cappellini. Una linea di prodotto innovativa,presentata al Fuorisalone annuale, all’interno del Superloft di Superstudio Più.

Una delle caratteristiche di Milano era proprio quella di avere molte “case di ringhiera”, sparse in giro per la città. A “sostegno” di balconi che hanno fatto storia, in tutti i sensi. Dai bambini che sfruttavano quegli spazi a disposizione per giocare fino alle chiacchiere delle amiche da un balcone all’altro. Ma erano anche i luoghi in cui avvenivano le dichiarazioni d’amore, in tempi in cui mancava tutto ciò che oggi ci dona la tecnologia.

La loro architettura semplice, tradizionale e al tempo stesso moderna, è diventata con il passare degli anni il simbolo delle abitazioni milanesi per eccellenza. Il celebre designer ha rilanciato questo emblema della storia e della famiglia milanese, dando forma al parapetto e a una parete divisoria in acciaio. Il primo è realizzato in acciaio spazzolato mentre il secondo assume il ruolo principale per la piastra superiore con fresate tonde.

Un richiamo ai tubolari posti nella parte inferiore che danno forma all’intero disegno. Le ringhiere sono facili da montare e si possono applicare sulle scale in muratura, sia all’interno che all’esterno degli ambienti.

È lo stesso Cappellini a sottolineare la bravura dell’azienda di Cerasolo nella realizzazione di ringhiere metalliche, descrivendole “dal disegno semplice e sofisticato. Elementi bassi o elementi alti – continua il designer – che fungono da filtro negli ambienti. Una nuova e moderna rivisitazione delle classiche ringhiere delle case milanesi d’epoca. L’acciaio spazzolato crea riflessi e dona un aspetto elegante e contemporaneo a questi elementi di grande rigore formale ma caratterizzati dalla cura del dettaglio, dove perfette intersezioni tra superfici curve e lineari ne caratterizzano il design senza tempo”.

Rispondi

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome