CONDIVIDI
sciara pralina design lifestyle

Un progetto che ha dato vita a un dolce unico e inimitabile.

Dal connubio tra architettura e alta pasticceria prende vita “Sciara”, una pralina in lamina d’oro e cioccolato fondente, disegno architettonico ed esplosione di gusto unica nel suo genere. Un progetto nato grazie alla collaborazione tra Davide Comaschi, direttore della Chocolate Academy Center di Milano e l’architetto Giuseppe Tortato.

davide comaschi design lifestyle
Un successo annunciato, come confermato dal Salone del Mobile 2018, evento durante il quale Sciara, grazie all’appoggio di un settore completamente diverso, ha potuto fare il suo ingresso in un doppio campo: quello
della pasticceria più ricercata e quello del design d’eccellenza.
È grazie allo studio certosino e all’interazione fra menti con capacità diverse che si giunge alla contaminazione
(nel senso più positivo del termine) di stili, arti e discipline.
Una maniera per essere sempre innovativi senza mai tralasciare la qualità dei singoli prodotti. La pralina Sciara,
infatti, si contraddistingue per le sue linee semplici, quasi pure, che donano al ripieno un volume armonico
e che invoglierebbero chiunque a lasciarsi tentare dall’alta qualità del cioccolato fondente.

sciara pralina design lifestyle
Definito come un dolce perfetto, prezioso e raffinato, il suo interno è setoso e avvolgente, e al tempo stesso emana quasi una luce propria. La lamina d’oro, infatti, fa da contrasto e irrompe nel cuore nero e aromatico del finissimo cioccolato fondente. Da qui deriva il termine Sciara, di origine dialettale siculo-araba, che indica il luogo in cui si è solidificata una colata lavica dopo l’eruzione di un vulcano. Incandescente fuori e morbida dentro.
“Tutte le mie creazioni – spiega il maître chocolatier Davide Comaschi – nascono per far sognare chi le
degusterà. Che si tratti di praline, torte tradizionali o dolci al piatto, ho sempre cercato di dare vita ad esperienze degustative sinestetiche, capaci di coinvolgere vista, gusto e olfatto. Sciara si inserisce perfettamente all’interno di questa mia filosofia: una pralina di cui, all’occhio, sono
ben visibili i tre diversi ingredienti che la compongono ma che, all’impatto col palato, si fondono, creando un sapore nuovo, unico”. Il progetto di Sciara rispecchia in pieno la filosofia che da sempre accompagna i lavori dell’architetto Giuseppe Tortato, il quale spiega che “devono essere i sensi a condurre le persone alla scoperta e alla conoscenza degli spazi progettati; a maggior ragione nel caso di un ‘oggetto del piacere’ come una pralina di
cioccolato; sono il forte senso per una forma perfetta ed un gusto ineccepibile a condurci alla scoperta di Sciara”.

Rispondi

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome