alberto-leonardi-designlifestyle-intervista

a cura di Raffaella Fasano

Alberto Leonardi nasce a Roma e comincia il suo percorso creativo nel 1974 nell’atelier di alta moda di Manlio Mallia, il pellicciaio delle dive. È in questo contesto che ha la possibilità di conoscere e creare per il jet set internazionale, per poi collaborare con Franco Zeffirelli in una meravigliosa esperienza teatrale “Maria Stuarda”, creando pezzi di design in pelliccia e costumi di scena.
La sua è una continua ricerca che supera il concetto di manufatto artigianale per ergersi a pezzo unico, un opera d’arte dinamica, da indossare o da utilizzare nel caso di accessorio design per l’arredo.
Curiosità per nuove tecniche, tagli, colori, materiali, portano Alberto Leonardi ad una continua e costante sperimentazione, tale da rendere riconoscibile ogni suo manufatto. Il lusso d’arte pret a porter, capi personalizzati, dipinti a mano e finiti con sostanze naturali che rendono i colori indelebili. Una cura del dettaglio che è quasi maniacale, una conoscenza della materia e della lavorazione che è la sua cifra peculiare, una passione e una creatività che irrompono su creazioni che sono vere opere d’arte che esaltano la femminilità.

alberto-leonardi-intervista-designlifestyle
Il suo accertato talento diventa fonte attrattiva per numerose “griffe” come Fendi e, a seguire, altre collaborazione anche cinematografiche con la Fandango e Ferzan Ozpetek in “Magnifica Presenza”.
Nel 1983 apre il suo primo atelier nel centro di Roma, mentre continua a collaborare a sfilate e mostre, lavoro che andrà avanti fino alla creazione del suo marchio “Alberto Leonardi”, che porterà le sue creazioni anche fuori dai confini nazionali. I suoi capi, definiti “sculture in pelliccia”, sono messi in vendita alla Saks Fifth Avenue in New York.
Successivamente continua la sua produzione mostrandola attraverso sfilate a Roma e in tutta Europa. Capi e creazioni esclusive e artistiche sono state esposte in mostra all’EUR a Roma.
Quando gli chiediamo quale possa essere il futuro della pelliccia, puntando sicuramente all’ecologico, ci risponde che è affascinato da nuovi progetti atti a personalizzare articoli per il design, poiché il mondo del design si lega tantissimo anche alla pelliccia ecologica da tempo, utilizzata per arricchire gli ambienti come oggetti extra lusso ma anche tanto funzionali.
Un vulcano in piena, Alberto Leonardi, che con le sue opere ha dimostrato come il fashion design sia un linguaggio che serve non solo a raccontare i tempi e i cambiamenti, ma anche a esprimere sensazioni, approcci alla vita, in un vortice di dinamismo creativo che è instancabile e che si reinventa e nutre di volta in volta. Quando gli chiediamo quale per lui lo stimolo più forte per la sua creatività, non esita a rispondere: “non essere mai annoiati”.

Rispondi

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome