Home Arte e Design Marcel Wanders. L’umanesimo nell’arte del Design

Marcel Wanders. L’umanesimo nell’arte del Design

875
Marcel-Wanders-designlifestyle-1

In un mondo, ormai, dominato dalla tecnocrazia, lui si concentra sull’olistico, sul surreale, sull’archetipico.
Alla freddezza dell’industrialismo lui preferisce la poesia, la fantasia, il romanticismo di epoche diverse, e le riporta vivide nella contemporaneità, emozionando, provocando, polarizzando, senza mai smettere di sorprendere, festeggiare, divertire.
È il design eclettico e sopra le righe di Marcel Wanders, il cui nome non ha bisogno di ulteriori descrizioni.

Marcel-wanders-designlifestyle
Nato e cresciuto a Boxtel, Paesi Bassi, si è diplomato con lode all’Istituto d’arte di Arnhem nel 1988, dopo aver frequentato per breve tempo l’accademia di Eindhoven. L’ascesa alla fama internazionale arriva nel 1996 con il riconoscimento per la sua ‘ Knotted Chair’, prodotta dal brand design olandese Droog. Un progetto di alta tecnologia artigianale e industriale, leggera nella forma, con una caratteristica trama che definisce la seduta e lo schienale e ne delinea la forma. Costituita da una corda “intrecciata”, composta da un’anima in fibra di carbonio e da uno strato di rivestimento in fibra di aramide, irrigidita con resina epossidica, la poltrona è modellata dalla forza di gravità dalle mani di chi lo ha realizzato, rendendo ogni pezzo unico. La sua texture, poi, richiamando la tecnica del macramé, in voga negli anni Sessanta e riveduta con le ultime tecnologie, dà origine a una poltrona capace di unire in un solo prodotto l’innovazione della tecnologia e l’ispirazione artigianale.
La Knotted Chair di Marcel Wanders, proprio per le sue caratteristiche rivoluzionarie, è divenuta un’icona e un punto di riferimento per il design, entrando a far parte delle collezioni permanenti del Museum of Modern Art di New York, del V&A Museum di Londra e dello Stedelijk Museum ad Amsterdam.
Marcel Wanders oggi progetta per produttori di tutto il mondo, quali Alessi, B & B Italia, Bisazza, Ceramica Bardelli, Poliform, Moroso, Flos, Boffi, Cappellini, Magis, Droog e Moooi, fondata nel 2000, di cui è l’art director e co-proprietario.
È stato sulle copertine di tutte le riviste di design più importanti e sui giornali come Domus, Interni, Blueprint, Design Report, ID, Abitare, Wallpaper, Nylon, Elle Decoration, Icon,Esquire, l’International Herald Tribune, The Washington Post, Financial Times, il New York Times, business Week.
La sua missione è creare un ambiente in cui vivere con passione e realizzare sogni emozionanti. Il suo design, che è allo stesso tempo funzionale ed artistico, è un elogio alle plurime sfumature dell’essere umano, vero protagonista di quello che lui chiama “il Rinascimento contemporaneo dell’umanesimo”. Sfidando i dogmi del design, unisce aspetti, metodi e materiali contrastanti per sorprendere e innovare sempre.

Nessun Commento

Rispondi

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome